L’ OTTO SETTEMBRE AD ABBATEGGIO FESTA GRANDE

 

Sempre per gentile concessione dell' autore pubblichiamo la poesia dedicata  alla Madonna dell' Elcina . Festa che di celebra l' otto di settembre di ogni anno. I versi partono dala liturgia dei vespri per poi spaziare nella descrizione del clima generale che la festività promuove fra i fedeli.

 

LA NIVE' A'LLA MADONN

Di Cesidio Tontodonati

( (06-09 - 1998)


  - A' sunate la nivè

Pe ‘lla feste a'lla Madonne,

ca se tu lu vu sapè

è la cchiù bell d ‘lu monn.

   -Attorn attorn a lu piazzale

Tanta gente s'ardunat;

ma che bella cattedral,

scia ‘bbenedett gna cia nate!

   -A stu post  bbnedett

A' ddò epperis la Signore,

tant vote l ‘so dett,

ci pò nasce sol ' amore.

   -Mendre sone l' cambane,

p'avvisà ca sta ‘ ccennà,

tutt chiend, chian, chian,

s' cumenze a'vvucinà.

   -Da la port' a'lla vutar

Nge se cape p' la foll,

i nu cant tande care

arrndon' p ‘ lu coll.

  - Fore son' la fanfare,

va Turrese a ‘ndra' ppicià ;

ecch na bomm, cumenz lu spar'

mentr lu sole finisch a calà.

  - ‘Bbetiayie, masser,

tè n'aria cuntende:

nu miracule vere

arrseren la gent !

  - Stu yiuarn d' fest,

de pace i bundà,

a'llu cor' t' rest

i ‘nde ne pù scurdà.


Segue traduzione