OMAGGIO A “BBETIEYE”, IL MIO PAESE

 

 

            L' omaggio completo ad Abbateggio (PE) , il mio luogo di nascita, è ancora in fase di strutturazione.  Abbiamo cominciato con la presentazione di una pagina statica. Ci sono poi alcuni interventi non coordinati che dovremo organizzare secondo una sequenza razionale. Il progettista ci sta lavorando. Intanto cogliamo l' occasione delle tradizionali festività settembrine (giorni 7, 8 e 9) per pubblicare due poesie e una canzone  di Mincione - Piovano che si adattano alla tradizione contadina ed alla festa dedicata alla Madonna dell' Elcina (8 settembre).

            Voglio cogliere ancora l'occasione  per evitare possibili dubbi sulla finalità dell' omaggio al mio paese.  Non ci sono  finalità recondite di alcun genere, a cominciare da quelle politiche. Si  vuole  solo  iniziare la presentazione dell' Abruzzo partendo dai paesi. Era obbligatorio cominciare da Abbateggio, non solo perché è il mio paese, ma anche perché, è il primo in ordine alfabetico. Questo per dire che siamo disponibili a pubblicare la visualizzazione di tutti i paesi della nostra Regione  che ne faranno richiesta.
                                                                                   IL DIRETTORE

 

 

LU  MACHNA'                                                  

di Cesidio Tontodonati
(giugno 2000)


Sott a nu sole che spacche li prete               

A lu mattucc s'abbiye a trescà .

Jamme cumbà nde tirà ‘rrete,

piye sa forch i cumenz a'mbiccà !

 

Rinest vrastem, cummann la trebbia,

piazzat a mezz a tre mucchie d' rane;

Arret la cam pare na nebbie;

ennient lu frutt p' farc lu pane.

 

Fazzulett alla cocce

Passucà lu sudor,

Recchie è na rocc :

fa lu mbuccator

 

Nuacchie sempr attent

A pucurà a lu batt'tor

Se lu chiim nde sent :

te l' recchie a lu mutor.

 

N' asene ammastate

Sta ‘ spettà lu turn saije;

chi l' sa s'ssà straccat:

a fatt quindici vijajie!

 

Nghe nu cest d' magnà

Ecch arriv za ngiuline:

Na tiell d'baccalà,

na post d'pane, nu fiasch d ‘ vine.

 

Subb't p' l'ar

Se passe parol;

ti da move fije car',

fatt' furb' : n' sti sol'

 

Cuntend i suddsfatt

È Silvin d ciambanell...

Quanda ‘ quintal a fatt?

Vindicingh d' cappell!

 

E' quasce l'ammrlit,

gna s' ferm lu cantier

vu sapè lu chiù pulit'?

Quill ch'tè la faccia nere !

 

Sta iurnat ' fatiyat,

quasce,  quasce staffrnì,

Mo è ore d' ì a durmi

Dman' sa da fà natra iurnat'

 

Segue la traduzione