DAGLI AUGURI NATALIZI AL RINNOVO DEL CANONE FASCISTA, IMPOSTO DA MUSSOLINI NEL 1938, SULLE RADIOAUDIZIONI- LA TV, INFATTI, NON ERA ANCORA NATA.

Sono stati 1481 i visitatorI che l' anno scorso , ma anche nei precedenti, hanno letto il nostro pensiero  sull' augurio di BUON NATALE. e connesse finalità economiche. Finalizzare l' auspicio di una buona giornata dedicata al ricordo della natività  ci sembra riduttivo perché trascura  tutto l' anno successivo nell' auspicare che sia piacevole per la vita umana di tutti. Abbiamo atteso volutamente la giornata di S. Stefano aspettando , con qualche giorno di anticipo, la fine del mese per augurare ( auspicare) che il 2016 sia un anno di prosperità  per tutti, anche se purtroppo non crediamo che sarà cosi. Lo scetticismo non  ci pare sia scritto nell' elenco dei peccati.

Rileggendo l' articolo dell'anno scorso ci è sembrato che non abbia  bisogno di essere integrato con nuove riflessioni. L' unica anomalia è che oggi non si può dire BUON NATALE  perché già passato . Diciamo, invece,  BUON ANNO sperando appunto che la legge di stabilità ce lo permetta, ma ne parleremo col, prossimo articolo.

Intanto crediamo possa far piacere rileggere l' intervendo dell' anno scorso cliccando sul link che segue.

MESSAGGIO REDAZIONALE CON ANTICIPO DI "BUON NATALE"

Pubblicato: Martedì, 18 Dicembre 2012 12:32 | Scritto da Redazionale | Visite: 1481


Con la speranza che non mi invierete improperi.  Per la seconda parte del titolo , dedicata al canone RAI , ci prendiamo uno o due giorni di tempo.