TUTTI GLI INCONTRI E LE CONFERENZE POLITICHE E CULTURALI SI CHIUDONO NELLA SALA RISTORATRICE DOVE SI MANGIA E SI BEVE GRATIS - MA COME FUNZIONA?

Ce lo dice MARA SECCIA, poetessa a cui piace il dialetto abruzzese per far conoscere, sopratutto , gli aspetti di vita familiare  ma anche socio -culturale, che, però,  implicitamente, contiengono  pure  aspetti di vita politica che non sfuggono ad un osservatore attento. Questo, inoltre,   riesce a percepire tipologie umane e psicologiche assistendo alla lotta con  cui tutti  gli uditori affollati cercano di arrivare primi a colpi di gomito,davanti al tavolo dei vassoi pieni di specialità  che in casa non si fanno. Molti , infatti , anche  estranei , arrivano senza aver mangiato a casa e quindi per non cenare la sera. M non solo. C'è il sospetto che chi frequenta queste iniziative, soprattutto in tempo di campagne elettorali , non va per ascoltare, ma proprio per partecipare al "buffet.". Anche per nostra esperienza , chi frequenta i veri incontri culturali sono pochi , e già sanno che li non si mangia.

Abbiamo un' altra poesia da pubblicare  con cui Mara spiega con esempi di vita familiare , che la crisi economica in atto è tutto una barzelletta. Si nota , infatti, che é inutile, parlare di crescita e di lavoro. La maggioranza del popolo nonha bisogno di far crescere gli acquisti non alimentari . Grazie a Mara anche in tempo di crisi ci si può divertire.

====================

DAPU’ CE STA LU BUFFE’                                                                               DOPO LA CONFERENZA SI VA AL "BUFFET "

Jì so’sincre, jì diche quase sempre lu vere.                                                   Io sono sincera, dico quasi sempre la verità.

M’accuntente cchiù di magnà assittate                                                            Sono più contenta di mangiare          

nove fritte che caviale ritte ritte.                                                                        un uovo fritto stando seduta,che il caviale stando dritta

A la sirata culturale,                                                                                          Dopo la serata  di una lunga conferenza culturale  

à sdirrinate la ggente la lunga cunfirenze                                                        alla gente presente viene il mal di schiena                                                   ,                                                

ma a la fine ci’à state la ricumbenze:                                                              ma alla fine c'è la ricompensa: un ricca abbuffata:

ricco buffé, antipaste, prime, seconde, dolce e caffè.                                    antipasto, un primo, un secondo, dolce e caffè.                                                        

Ma ninn’è facile, ninn’è semplice                                                                    Ma non è facile , nè semplice

sirvirse a lu buffè, almene pe’ me.                                                                  servirsi al "buffè", almeno per me.

Ce vô vilucità, scaltrezze, raziunalità.                                                              Ci vuole razionalità, scaltrezza e velocità,

Chi è leste ariesce a gustà tutte le spicialità,                                                  chi è svelto riesce ad assaggiare tutte le specialità,

chi è lente, poche organizzate, armane a ‘uardà.                                           chi è lento o poco esperto resta a guardare.
La sale è piene, la ggente se sfrene,                                                              La sala è affollata, ma i partecipanti si sfrenano,

tê fame e tê sete.Viste d’arrete,                                                                       hanno fame e sete. Guardati da dietro

unite, compatte, quase une assopre l’atre se vede.                                         si vedono tutti serrati , quasi l' uno sull' altro.

Na barriere umane che smove sole le mane.                                                  Un folla stretta di persone che muovono sole le mani.

Addò ‘bbije la file jì nní capisce maje, sempre sbaje.                                      Dove comincia la fila non si capisce, e io sbaglio sempre.

Pije nu piatte e m’incammine di suppiatte,                                                        Prendo un piatto e mi avvicino quasi nascosta,

m’aggridisce na signore che ‘nnanze m’artrove                                                una signora che mi precede mi aggredisce

nche lu ruscette sbafate, aggitate                                                                     tutta agitata , con le labbra senza più rossetto,

che già s’à ‘ccaparrate tutte l’affettate.                                                             mentre afferra tutto il vassoio con l' affettato.

“Dove va lei? Si metta in fondo, in senso contrario,                                        "Dove va lei? Si metta in fondo, in senso contrario,

ora tocca a mio marito. Svelto Mario,                                                              ora tocca a mio marito. Svelto Mario,

l’antipasto è quasi finito”.                                                                                  l' antipasto è quasi finito."

Ci’acrede tutte esse se l’ha pizzicate,                                                              Ci credo, se l'è preso tutto lei,

manche nu nocce di ‘live ci’à lasciate!                                                             non ci ha lasciato neanche un nocciolo di olive !

Cuntinue la marce, lente, serrate, le facce tirate,                                            L' avvicinamento continua, lento, stretto a viso tirato,

a gumitate, a spintune pe’ na furchettanne di maccarune.                             a spintoni e sgomitate per una forchettata di pasta.

Allunghe la mane, so’ ‘dducchiate la chitarrine                                               Vista la chitarrina allungo la mano, ma -zac- ,

ma -zac!- l’utema sunate se le fa na signurine                                                l' ultima porzione se la prende una signorina

secche gne nu spete. Ddije, mò mi fa dole pure nu pete                                magra come uno spino Oddio, adesso mi duole pure 

e stinghe a dijune ‘n viste di ‘stu radune.                                                         un piede , e per l'occasione sono rimasta a digiuno.

Sopre a lu cape me passene li piatte attummate:                                           Sulla testa mi passano un piatto colmo di porzioni:

“Prende, prende, per Luisa, per Pietro, per Sabrina,                                      "Prendi, prendi, per Luisa, Pietro e Sabrina,

prende di tartine una ventina, di pizzette una trentina,                                    prendi venti tartine e trenta pizzette,

attente non ti macchiare, prende con la cucchiare”.                                        attento, non ti macchiare, prendi tutto col cucchiaio".

“Magne, magne tutte, Ercolino,                                                                       " Ercolino mangia, mamgiale tutte,

cuscì massere, se Ddije vô, io nin cucino”.                                                      così stasera , se Dio vuole, non cucinerò".

“Marì, ajuttite, pijeme ddù bummalitte, ddù calamaritte,                           " Maria spicciati, prendimi due -bummalitti (?)- , due calamari,

na crustarelle di purchette e nu ccune di gambette.”                                        una "crustatina di porchetta" e qualche gamba di pollo".

Tutte ammischiate, salame, prisutte, crustate,                                               Tutto insieme in un vassosio: salame. prosciutto, crostata,

furmagge, carne, pesce, paste, salmone,                                                       formaggio, carne, pesce, salmone,

vurstelle e murtatelle.                                                                                      mortadella e pasta.

Me strille Giuvanne:”Che stî ddurmì?                                                             Giovanni mi grida: "Che stai dormendo?

Dà le vusse pure tu ‘mbapì,                                                                            Dai una spinta anche tu rimpapita,

sinnò massere ‘n ge mitte ninte sotte a li dinte”.                                            altrimenti questa sera non avrai niente da mangiare".

Ma jì, jì so’ na sognatrice, pozze fa’ la lotte pe’ paste e cice?                        Ma io spero sempre, che  spingo per pasta e ceci ?

‘Na signore piccirille si tuffe, sbuffe, acchiappe                                              una piccola signora sbuffa e si tuffa, afferra veloce

la ‘uantiere nche li dulcitte e scappe. Brave, ce l’à fatte.                                il vassoio con i dolcetti e scappa. Brava ci è riuscita.

Mò ce vonne bicchiere, bivande, tovajole e posate.                                       Adesso ci vogliono : vino, bicchiere, tovagliolo e forchetta.

Se fa n’atra file. E nche ddù tre piatte a na mane,                                         Serve un' altra fila. Con tre piatti in una mano,

lu bicchiere a n’atre, lu tuvajole sotte a lu vracce,                                           il bicchiere nell' altra, tovagliolo sotto un braccio,

la furcine ‘n saccocce, addò vî sbatte la cocce?                                             la forchetta in tasca, dove vai a sbattere la testa?

Li segge e li divane so’ tutte ‘mpignate,                                                          Sedie e tavolini tutti occupati,

cuscì armine arrizzate. T’appuje a la scalinate,                                              e quindi resti in piedi. Ti appoggi a una ringhiera,

a lu davanzale, a lu mobbile e là armine tutte la sere,                                    a un davanzale, a un mobile, e li resti fino a sera,

sole, senza scagnà nche nisciune cacche parole,                                          sola, senza scambiare con altri qualche battuta,

se t’alluntine n’artruve lu bicchijre…                                                                se ti sposti per poi tornare non ritrovi il bichiere...

Ah, la bbella tavulata conviviale!                                                                     Ah , la bella tavolata di un convivio !

Queste na battaje me pare.                                                                             questi "buffè" mi sembrano una lotta

Li buffittiste tra di lore so’ nemice:                                                                   tra i "buffettisti" fra loro nemici:

“Chi le pozza n’oma ‘ccide,                                                                              "Che possa essere ucciso,

auarde ‘mpo’ a cullù quante à state furtunate,                                                 guarda un pò quel tizio così fortunato,

pirfine l’arahustelle s’à ‘ccaparrate!”                                                                 perfino l' aragosta è riuscito a prendere.! "

Sopre a lu termosifone avè ‘ffilate lu buttine di guerre                                      Un -povero cristo- aveva allineato sul termosifone

nu povere criste ma na signora sgargiante n’à viste,                                       tutto il "bottino", ma una signora non l' ha visto,                                                                            

nche nu colpe di mantelle j’à mannate tutte ‘n terre.                                         e passando col mantello ha fatto cadere tutto.
Dispirate, a lu signore je se spezze lu core,                                                       Al signore , disperato, si è rotto il cuore,

fa na facce che pare nu stracce.                                                                        sembra diventato uno straccio.

Dope tante cumbattimente à ‘rmaste senza niente.                                           Dopo la lotta per prendere è rimasto senza niente.

Ormaje è tarde, lu buffè à scumparite,                                                               Si è fatto tardi, le offerte del "buffè" sono finite

li cameriere stanne accise, tramurtite, ‘mbavurite.                                             I  camerieri non ce la fanno più .

Montepulciane e trebbiane s’ànne diliguate.                                                      Montepulciano e trebbiano tutti bevuti.

Dentre a li vassoje saccheggiate                                                                       Nei vassoi svuotati

piagne cacche fronne d’anzalate,                                                                     fanno mostra alcune foglie di insalata,

poche zocche di risotte, mpo’ di suche di lu stracotte.                                      pochi cucchiai di risotto, un po' di sugo di -stracotto.-

E intante li furtunate magnene, bevene, parlene.                                             Ma i fortunati mangiano, bevono, parlano di politica.

Ma come, ca stanne tutte a diete?                                                                    Ma com'è che tutti dicono di stare a dieta?

Nannò, te l’arcurde quande m’arcummannive:                                                 Nonna, ti ricordi di quando mi dicevi:

“La citil’amì, composte si mange, sedute,                                                       " Bimba mia, si mangia seduta e composta,

deve da tenè chiuse la vocche, niente si tocche,                                           non si deve parlare , e niente si tocca,

si chiede ‘na cusarelle nche le bbelle parole:                                                  si chiede una cosetta con belle parole:

grazzie, baste accosindre, pe’ faôre”.                                                             grazie, basta così, per favore ".

Nannò tu m’ambarive la bbona crianze,                                                          Nonna tu mi insegnavi la buona educazione,

atre timpe, atre jurne, atre usanze…                                                              altri tempi, altri giorni, altri comportamenti...

A lu buffè vince “il migliore” e se nin me denghe na mosse,                           aL "buffè" vince il migliore, e se non ti dai fare,

nannò, nin m’artocche manche n’osse!                                                            nonna , non riesci a prendere neanche un osso.       

Mara Seccia