I N T E R V E N T I
PERIODICO TELEMATICO DI  INFORMAZIONE
E PROPOSTE  POLITICHE E CULTURALI
( aggiornamento continuo)

©
E’ consentita la riproduzione dei testi ,  sulla stampa parlata e scritta, citando la fonte ; I responsabili delle liste e dei gruppi di discussione su INTERNET sono autorizzati a copiare e ridistribuire tutta la pubblicazione o solo le parti che interessano.


ALL' INDICE 98    per il POF vai  ALL' INDICE99

P R O P O S T A
DI UNA
CARTA  DEI  SERVIZI  + CONTRATTO FORMATIVO + PROGETTI EDUCATIVI DI CIRCOLO (P.E.C.) PER  LA  SCUOLA
  MATERNA   ED   ELEMENTARE

PRESENTAZIONE
" Ecco il compito dell'educatore ideale: partire dalla realtà psichica del bambino per migliorare l' uomo nella vita pratica, per salvarlo , per impedirgli di smarrirsi, per evitare le deviazioni e le incertezze, per prevenire gli squilibri nervosi, per infondergli coraggio morale e salda coscienza nella lotta quotidiana. Il compito dell' educatore è, quindi, immenso, perchè il progresso dell' umanità e la pace del mondo sono nelle sue mani."
(M. Montessori , da una conferenza  nell' VIII Congresso Internazionale Montessori - S. Remo 22/29 agosto 1949.)
La nostra modesta ma convinta "Proposta"  vuole costituire uno stimolo per docenti e dirigenti della scuola materna ed elementare a riappropriarsi del compito così ben descritto da Maria Montessori 50 anni fa,  ma di  una sconcertante attualità : 50  anni trascorsi inutilmente , cioè sprecati; prendiamone atto e rimbocchiamoci le maniche.
 (N. Scipione)


I N D I C E

SOMMARIO
 
 

CARTA DEI SERVIZI
=================

CONTRATTO FORMATIVO
====================== PROGETTI EDUCATIVI DI CIRCOLO
============================

                        P.E.C. MATERNA
                        P.E.C. ELEMENTARE


PREMESSA

A) CONCETTO E FUNZIONE DI "CARTA"

Ai fini della compilazione del presente documento si parte dalla definizione concettuale della "Carta dei servizi della scuola" così sintetizzata :
" Iniziativa dello Stato mirata a far conoscere a tutti i cittadini il servizio di pubblica istruzione organizzato e gestito, tramite l' apposito Ministero e relativi Uffici periferici, in collaborazione con gli Enti locali" .

Cercando di interpretare , nel modo più ampio, il significato esplicito ed implicito della iniziativa statale, l' impostazione ed il contenuto della "carta" a livello di Circolo meritano un' attenzione particolare.
La compilazione di una " Carta dei servizi della scuola" non può e non deve risolversi solo in un elenco, più o meno teorico e motivato, di doveri, obblighi ed impegni da parte del personale scolastico, oblighi ed impegni che peraltro sono già codificati da normative vigenti ( T.U. 297/94 - C.C.N.L. / 95 ) . Se così fosse qualunque "Carta" sarebbe destinata a rimanere, appunto, solo ... carta, senza alcun seguito concreto.

Si ritiene, invece, che l' iniziativa debba costituire occasione di crescita professionale per tutti gli addetti al servizio della Pubblica Istruzione, anche nel senso di stimolo alla riflessione sul ruolo e sulla funzione che ciascuno deve svolgere nel contesto di un servizio pubblico come la scuola.

Appare credibile , a tal fine, ipotizzare ed auspicare che dalla compilazione e dall' applicazione della "Carta" scaturisca l' esigenza, per il, personale scolastico, di una continua e costante attività individuale di autoaggiornamento e crescita professionale. In tal senso si auspica che anche gli Enti e le strutture esterne cointeressate traggano motivo di riflessione sul ripsettivo ruolo di collaborazione assehnato dalla Legge.
 

B) UN SERVIZIO DI QUALITA'

Una iniziativa del genere , come quelle riferite anche agli altri Servizi pubblici ( Poste, Sanità, Previdenza, Acqua, Luce , Gas ,ecc.) non può non partire dal presupposto di voler fornire a tutti gli utenti dei servizi stessi una prestazione di "qualità totale" , intesa nel senso di voler dare il meglio possibile a 360 gradi pur se in rapporto ad ogni specifico settore di intervento.

Va precisato e riconosciuto, però, che il "Servizio scuola" è atipico nei confronti degli altri "Servizi" in quanto, non solo coinvolge più soggetti titolari di intervento, ma anche perché opera per un obiettivo mobile ( l ' alunno o le scolaresche) che va continuamente rincorso e che sfugge ogni volta che si ritiene di averlo raggiunto.

La qualità di un tale servizio, dunque , può e deve essere garantita ed accresciuta dagli impegni, dalle offerte e dagli interventi istituzionali di soggetti esterni alla scuola.

AL SOMMARIO
 
 

C) LE "RADICI" NORMATIVE

Il documento di pubblicizzazione dell' attività svolta dalla scuola come erogatrice di uno specifico servizio è stato denominato "CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA" ( nel prosieguo indicata per brevità con la sigla C.d.S. ) con apposito Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri datato 07 / 6 / 95.

Tale Decreto, seguito dalla Direttiva del Ministero P.I n.254 del 21-7-95, è l' ultimo dei provvedimenti normativi che precedono l ' emanazione dello Schema di riferimento proposto per la stesura dei rispettivi documenti da parte delle singole Istituzioni scolastiche; le .radici. "giuridiche" della C.d.S. provengono, infatti, dagli artt. 3, 33, e 34 della Costituzione, ed attraversano, assumendo man mano maggiore concretezza:

- la Legge 148/90 sulla riforma dell'ordinamento della scuola elementare ;
- la Legge 241/90 sulla trasparenza;
- la Legge 104/92 sull' inserimento degli alunni con handicap ;
- il D. Legs. 29/93 sulla razionalizzazione e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego ;
- il D.M.F.P. del 31-3-94, relativo al codice di comportamento dei dipendenti;
- il D.P. C. M. 27-1-94 ( Direttiva concernente i "Principi sull' erogazione dei servizi pubblici") ;
- Direttiva del M.P.I. n. 209 del 15-6-95 sull' azione amministrativa e la gestione del sistema dell' istruzione, e, quindi, la
- Legge 273/ 11/7/95 che prevede interventi per migliorare l' efficienza delle pubbliche amministrazioni.

Il C. C. N. L. del 4-8-95 costituisce ,invece, la prima normativa redatta ed approvata col contributo diretto e determinante dei Sindacati-scuola che richiama e rinvia alla C.d.S. indicandone anche contenuti specifici connessi all'organizzazione didattica, educativa e culturale.

D) ARTICOLAZIONE INTERNA

La presente C.d.S. si articola nelle seguenti parti costitutive e coordinate.

- Premessa con 7 sottotitoli contrassegnati dalle lettere : A - B - C - D - E - F - G ;
- Parte I = a) Principi fondamentali ; b) Qualità della scuola /servizio;
- Parte II = a) Servizi Amministrativi ; b) Reclami interni ed esterni; c) Valutazione del servizio;
- Parte III = Allegati come parti integranti e sostanziali :

a) Contratto formativo ;

b) Schema ministeriale di riferimento (*);

c) Progetto Educativo di Circolo [ P.E.C.]

d) Programmazione educativa, formativa e didattica annuale (**)

e) Regolamento di Circolo.(***)

____________________

(*) Lo Schema ministeriale va "depurato" di tutte quelle parti che non riguardano la scuola materna ed elementare.
(**)  La programmazione ( o progettazione ) annuale costituisce un documento che integrerà la C.d.S. all' inizio dell ' anno scolastico , unitamente alla Progettazione didattica (o piano di lavoro) personale di ciascun docente ma concordato a livello modulare;
(***) Il Regolamento sarà adottato dal Consiglio di Circolo coordinando il testo precedente in  vigore con lo schema ministeriale.

AL SOMMARIO
 
 

E) LE MOTIVAZIONI

La stesura del presente documento parte :

1)- Dalle convinzioni :

-a) che la Scuola Materna ed Elementare costituiscono un servizio pubblico che ha il compito fondamentale di soddisfare le esigenze e/o i bisogni educativi e formativi delle nuove generazioni comprese nell'arco di età che va dai tre agli undici anni , rapportando ed adeguando ad esse le finalità generali e gli obiettivi particolari indicati con i testi programmatici appositamente redatti sia per la scuola materna che elementare ;

b) che la necessaria distinzione fra Materna ed Elementare è data solo dalle diverse problematiche educative e formative dei due ordini di scuola rilevabili nei rispettivi PEC ;
c) che l 'autonomia riconosciuta agli attuali Organi Collegiali della scuola ( Interclasse, Intersezione, Collegio docenti, Consiglio di Circolo) appare sufficiente a garantire la qualità delle prestazioni possibili con le attuali strutture ;
d) che la SCUOLA abbia , in ogni caso, il diritto/dovere di prendere per prima l ' iniziativa di offrire il proprio servizio chiedendo alla "controparte" la "contropartita" ritenuta necessaria per assicurare un servizio di "qualità totale" mirato alla soddisfazione dei bisogni e delle esigenze educativi e formativi delle nuove generazioni; va precisato, peraltro, che, in attesa della "contropartita" , la SCUOLA assicurerà, comunque, tutte le prestazioni di qualità consentite dalle condizioni e dai mezzi disponibili, sottoponendosi, per lo scopo, ad un processo di autoanalisi e referenzialità mirato non alla "certificazione" , ma alla "promozione" della qualità ;
e) che una C.d.S. ben articolata può e deve contribuire a chiarire, ordinare e comunicare all' esterno , anche se in modo sintetico, l' attività che la scuola intende svolgere e le condizioni che si richiedono per un migliore risultato di "qualità totale" ; che la stessa, infine, debba stimolare l' analisi e la riflessione da parte di ciascun utente ;

2)-Dalle constatazioni

- che di fatto i due ordini di scuola già operano nel senso del precedente punto -1- ma che la relativa attività è costretta a muoversi in un contesto :

- che la funzione docente ed i servizi amministrativi svolti dal rispettivo personale in servizio nel Circolo non hanno atteso "l'avvento" della C.d.S. per attivare da sempre una Scuola di qualità commisurata all' ambiente ed alle risorse disponibili ;

3)- Dalla necessità

di "offrire" un " Contratto Formativo" che preveda, nel rispetto del concetto giuridico di "contratto"

( Art. 1321 e seguenti del Codice Civile), la presenza di due o più contraenti che, liberamente o per disposizione di legge, si accordino sul reciproco rispetto di impegni assunti per un fine comune : la qualità di una scuola-servizio che non sia più solo apparato. A tale scopo vengono individuati i seguenti contraenti:

1) Lo Stato, e per esso il Ministero della Pubblica Istruzione ; 2 - La Sovrintendenza scolastica regionale ; 3 - Le Organizzazioni sindacali ; 4 - Gli Enti locali; 5 - I Genitori, in quanto titolari di un diritto - dovere costituzionale , ma anche in nome e per conto degli alunni che non sono ancora titolari di potere contrattuale, pur avendo il diritto naturale di conoscere le ragioni fondamentali della frequenza scolastica, in rapporto alle capacità di comprensione proprie dell' età.

F) VALIDITA'

Il contenuto del presente documento non ha la pretesa della esaustività; è prevista , pertanto, la possibilità della revisione parziale o totale in rapporto a nuove esigenze che dovessero sopraggiungere in qualunque momento.

G) DURATA A FINE DI REVISIONE

Di norma hanno valore pluriennale : - La Premessa, i Principi fondamentali, Lo Schema ministeriale, il P.E.C. ed il Regolamento di Circolo. Gli OO.CC. competenti potranno procedere alla loro revisione motivata da sopravvenute esigenze locali e/o da disposizioni di legge in contrasto.Tutto il resto è soggetto a revisione annuale , ove necessario.

AL SOMMARIO
 

PARTE  I
ART. 1 - PRINCIPI FONDAMENTALI

Costituiscono principi fondamentali ispiratori non solo quelli desumibili e desunti dalla Costituzione repubblicana , ma anche tutte le indicazioni di legge e delle altre fonti normative secondarie già citate in premessa. A tali fonti si fa esplicito riferimento e rinvio nel senso che il rispetto dello loro prescrizioni è vincolante per tutti. Ai fini della presente C.d.S. si rimanda, invece, allo specifico paragrafo dello Schema ministeriale allegato, dal punto 1 al 6 compresi , considerandoli parte integrante e sostanziale del presente articolo.

ART. 2 - QUALITA' DELLA SCUOLA -SERVIZIO

Il personale dirigente e docente di scuola materna ed elementare del Circolo, muovendo dal punto "B" della premessa, individua e fà propri gli standard di qualità, che lo riguardano, previsti, in modo implicito ed esplicito, nella PARTE I , dal punto 7 al 7.6, dello Schema ministeriale e ad esso fa rinvio con l' impegno ad attivare quanto di specifica e rispettiva competenza per il conseguimento:  degli obiettivi indicati nel P.E.C. e di quelli assunti nel Contratto Formativo, nella Programmazione educativa e formativa, nella Progettazione didattica e nel Regolamento interno . Nell' ambito del Contratto saranno evidenziati i contributi di collaborazione delle famiglie , delle istituzioni e degli Enti chiamati a concorrere per una scuola di qualità.


PARTE  II
ART. 3 - SERVIZI AMMINISTRATIVI E STANDARD DI QUALITA'

Il personale direttivo ed amministrativo (ATA) , muovendo dal punto "B" della Premessa, individua e fà propri gli standard di qualità che lo riguardano previsti nella PARTE II, dal punto 8 all' 8.9 , dello Schema allegato e ad esso fà esplicito rinvio con l' impegno a fare quanto di specifica e rispettiva competenza per l' attuazione del Regolamento di Circolo.

ART. 4 - RECLAMI INTERNI ED ESTERNI

Ai fini della presente C.d.S. i reclami si distinguono in due categorie:

Il Dirigente responsabile è impegnato al rispetto di quanto indicato nel citato punto 10.1 il cui testo costituisce parte integrante e sostanziale della presente C.d.S.
Lo stesso Dirigente , in caso di reclami circostanziati, anche se anonimi, è tenuto ad interessare l' autorità giudiziaria ove l' esposto denunciasse fatti e circostanze penalmente rilevanti. Per le eventuali indagini di natura non penale può essere richiesta anche la collaborazione delle Forze dell' Ordine, ove consentito dalle vigenti norme di polizia e pubblica sicurezza.
ART. 5 - VALUTAZIONE DEL SERVIZIO

Premesso che ai fini della presente C.d.S. si intende per "valutazione" la corrispondenza o meno dell' attività scolastica ed amministrativa ai bisogni , alle attese ed alle esigenze di ogni categoria di utenti, senza che la stessa assuma la funzione, neanche implicita, di "certificazione di qualità" , gli operatori interni della SCUOLA assumono l' impegno di verificare comunque l' efficacia della propria attività didattico-educativa in rapporto alle finalità generali e particolari assunti anche come obiettivi di qualità.
Tenuto conto che la valutazione esterna investe tutti gli aspetti della vita scolastica e che questa , ai fini del presente articolo, non è stata organizzata e coordinata in previsione di una tale valutazione , si rinvia alla fine del primo anno di applicazione l' attivazione di una procedura valutativa che coinvolga tutti gli utenti.
Durante il primo anno di applicazione della presente C.d.S. tutti gli OO.CC. competenti sono impegnati nella elaborazione del questionario secondo le indicazioni previste nella Parte IV, punto 10.2 , dello Schema di riferimento allegato come parte integrante della presente "Carta.." . Tale questionario , di norma, sarà distribuito e ritirato entro il mese di giugno di ogni anno.
Sono interessati ad esprimere i propri elementi di valutazione , oltre al personale interno alla scuola, anche ed anzitutto le "controparti" individuate nel contratto formativo ; le modalità di intervento saranno oggetto di apposita regolamentazione di procedura approvata dagli OO.CC. del Circolo.

ART. 6 - PUBBLICIZZAZIONE ED INFORMAZIONE ALL' UTENZA

L' informazione pubblica circa la struttura funzionale ed amministrativa avviene secondo quanto previsto nella parte II, dai punti 8.1° al punto 8.13 della Carta allegata
Entro otto giorni dall' approvazione definitiva della presente C.d.S. copia autenticata della stessa ,completa di tutti gli allegati approvati, sarà affissa all' albo di ciascuna scuola del Circolo ed inviata a tutte le "controparti" nelle rispettive sedi ufficiali.
Con annesso avviso sarà data informazione sulla possibilità di averne copia autenticata.

ART. 7 - CONDIZIONI AMBIENTALI

I plessi scolastici del Circolo sono complessivamente nove. Le condizioni ambientali dei locali in tutti gli edifici del Circolo risultano di normale comfort nella sufficienza e nell' abitabilità ; le condizioni generali, pur non rientrando nell' ambito degli standard di qualità previsti dallo schema ministeriale, potrebbero essere migliorati se i Comuni avessero maggiori risorse economiche e di personale da impegnare nella scuola.
In merito si rinvia alle richieste rivolte alle Amministrazioni locali con il Contratto formativo.

AL SOMMARIO
 
 


ALLEGATI


CONTRATTO FORMATIVO
OFFERTE E PROPOSTE SCOLASTICHE ED EDUCATIVE FORMULATE AD INTEGRAZIONE E COMPLETAMENTO DELLA "CARTA "
 
 
 
 

Indice :
- Premessa ; - La Scuola : - Precisa ;
- Informa ; - Rileva ; - Propone e comunica :
- Nella scuola materna ;  - Nella scuola elementare ;
- Tematiche specifiche ; - Alunni in difficoltà ; - Rapporto con i genitori ;
- Sollecitazioni alla "controparte" : Al Ministro ;  Ai Comuni  ;
( Ministero P.I. - Sovrintendenza reg.le - Enti locali - Sindacati - Genitori)


PREMESSA

Ai fini della C.d.S. il presente "Contratto ", che assume validità giuridica ai sensi e per gli effetti degli artt. 1321 e seguenti del C.C., si qualifica come atto "unilaterale" per l' atipicità della problematica oggetto del "contratto" fra le "parti".
Sono considerate "parti", come dalla premessa generale  della C. d . S., i seguenti soggetti :

AL SOMMARIO
LA SCUOLA
AL FINE di motivare l' offerta della propria attività didattica, educativa e formativa ;

PRECISA:

- I Programmi ufficiali del 1985, per la scuola elementare, e gli Orientamenti educativi del 1991, per la scuola materna, costituiscono la fonte primaria di riferimento di ogni attività scolastica; da tali documenti, pertanto, vengono estrapolati finalità ed obiettivi oggetto del presente "Contratto";
- La definizione concettuale e pratica di "educativo", "formativo" e "didattico" è riportata sull' apposito capitolo del P.E.C. sia di scuola materna che elementare a cui si fà espresso rinvio;

INFORMA :

- che la descrizione dell' attività didattica sarà oggetto di apposite "Programmazioni annuali " compilate rispettivamente dai docenti di scuola materna ed elementare ad ogni inizio di anno scolastico , ed illustrate ai genitori in apposita riunione entro il mese di ottobre ;
- che l' attività educativa nei due ordini di scuola è intesa nel senso di individuazione dei bisogni educativi fondamentali che ogni bambino porta con sè per propria natura, e, quindi, di stimolazione del loro sviluppo quale presupposto per potenziare le capacità innate di ordine cognitivo, affettivo e psicomotorio; tali capacità, infatti, opportunamente coordinate consentono la manifestazione e la crescita della personalità, del carattere, dell' intelligenza, della creatività, della socialità, dell' autonomia, della fantasia , della coscienza morale, della spiritualità , della religiosità e dei valori etico-morali propri di ogni persona umana .; nel contesto di tali bisogni il valore famiglia occupa un posto privilegiato ai fini dell' attività pedagogico-didattica della scuola;
- che l' attività formativa è intesa nel senso di individuazione e soddisfazione delle esigenze formative indotte da fattori esterni legati alle sollecitazioni dinamiche della vita e della evoluzione culturale, con particolare riferimento a valori e convenzioni creati dall' uomo per rendere fruibile al meglio la vita di relazione; costituiscono elementi sostanziali di tale attività formativa anche la conoscenza e l' apprendimento dei contenuti disciplinari ;
- che le condizioni ambientali degli edifici scolastici del Circolo rispondono / non rispondono(*)   a quanto previsto dal punto 9 , Parte III , dello Schema di Carta ministeriale .

____________________
( * ) Ogni Circolo riporterà le condizioni dei  locali scolastici dei Comuni di rispettiva giurisdizione.
 

RILEVA

E QUINDI :

PROPONE E COMUNICA

la seguente sintesi di offerte educative e formative prioritarie , rinviando per il dettaglio agli appositi paragrafi dei rispettivi P.E.C. (Progetto Educativo di Circolo), e dichiarando il proprio impegno ad operare nel miglior modo possibile per la loro realizzazione concreta.
 
 
 

1 - ATTIVITA' DIDATTICA PRIORITARIA E BASILARE
 
 

Nella scuola materna

FINE GENERALE assegnato alla scuola dagli Orientamenti 91 : formazione integrale della personalità perseguendo tangibili traguardi di sviluppo della identità , dell ' autonomia e della competenza individuali  ( dagli Orientamenti del 91 );

OBIETTIVI EDUCATIVI:- potenziamento di capacità ed attitudini individuali, proprie dell ' età, quali condizioni propedeutiche alle attività più specifiche della scuola elementare; - superamento dell' egocentrismo e dell' egoismo; - stimolo della creatività ; - coscienza della proprie possibilità ; - stimolo alla collaborazione, all ' iniziativa, alla decisione ed alla responsabilità personali ; promozione di un adeguato equilibrio socio-affettivo e di una positiva immagine di sé ; - valorizzazione della famiglia quale sede della prima e fondamentale attività educativa ;

OBIETTIVI FORMATIVI :- acquisizione dei primi "alfabeti" dell' espressione e della comunicazione verbale, grafica e corporea; - accettare e convivere con altri anche se diversi; - conoscere il proprio ambiente di vita; - acquisizione di sane abitudini di vita in rapporto alla salute propria e degli altri;

METODOLOGIA DIDATTICA:- utilizzazione di tre fra i bisogni fondamentali dell' infanzia : la manipolazione, il gioco e la fantasia , come strumenti basilari per l' approccio e la conoscenza concreta della realtà.

In rapporto a quanto sopra si può sintetizzare che la Scuola materna opererà non per raggiungere particolari obiettivi tecnico - strumentali e di apprendimenti nozionistici, ma per promuovere in ogni alunno, compresi i portatori di disagi psico-fisici, i tre aspetti che si ritengono fondamentali e prioritari per lo sviluppo del bambino : L' IDENTITÀ, L' AUTONOMIA E LA COMPETENZA già previsti dagli Orientamenti come fini generali.

A tal fine si precisa :

- Per identità si intende : fiducia nelle proprie capacità...corporee ed intellettive ;
- Per autonomia si intende : la "...capacità di orientarsi e di compiere scelte autonome in contesti relazionali e normativi diversi " ( casa, scuola, ambienti esterni ecc. ) ;
- Per competenza si intende : lo sviluppo delle abilità sensoriali , percettive, corporee, motorie, linguistiche ed intellettive, ecc..
Tali mete , in sintesi , si qualificano come pre-condizioni o pre-requisiti necessari per il passaggio alla scuola elementare e l' avvio ottimale della sua attività. Appare ovvio, pertanto, che tutto il lavoro scolastico sia orientato al raggiungimento degli obiettivi educativi e formativi sopra riportati ; per gli aspetti particolari si rinvia al Progetto Educativo di Circolo.

Nella scuola elementare

FINE ISTITUZIONALE assegnato alla scuola elementare:

    Appare chiaro che quest ' ultima costituisce una meta direttamente legata in continuità con i fini della scuola materna, e che prevede tappe intermedie successive lungo il percorso totale della frequenza scolastica obbligatoria;

OBIETTIVI EDUCATIVI : sono gli stessi della scuola materna opportunamente rapportati e calibrati alle capacità ed allo sviluppo propri di ciascuna età ( per il dettaglio si rimanda allo specifico paragrafo del P.E.C elementare);

OBIETTIVI FORMATIVI: - La scuola elementare ha il compito di partecipare alla creazione, istituzionalizzazione e trasmissione del sapere e della cultura nei modi , nelle forme e nei contenuti compatibili con le capacità proprie dell' età, muovendo da quelle raggiunte nell' ultimo anno di scuola materna;

- in sintesi l' obiettivo delle attività scolastiche consiste in una prima "alfabetizzazione culturale" mediante l' insegnamento, l ' apprendimento e la conoscenza degli elementi fondamentali della vita sulla Terra;

- tale azione si esplica organizzando lo studio e la conoscenza di tutte le discipline previste dai Programmi ufficiali, compreso l' insegnamento-apprendimento di almeno una lingua straniera , mediante le quali vengono presentati e diffusi i codici strutturati basilari, universalmente accettati, per la conoscenza e la utilizzazione di tutte le esperienze di vita individuale e sociale;

- in rapporto a quanto sopra LA SCUOLA di questo Circolo ritiene che obiettivi fondamentali e prioritari per la scuola elementare restino, anzitutto , la conquista e lo sviluppo della comunicazione verbale (PARLARE), e, quindi, l' apprendimento del " LEGGERE - SCRIVERE e FAR DI CONTO", nella misura e nel senso illustrato dal testo dei vigenti Programmi didattici del 1985 , dove si trovano le definizioni che seguono , quali capacità da possedere al termine della classe quinta:


2) TEMATICHE SPECIFICHE

    Sia nella scuola materna che elementare saranno trattate, come argomenti che chiamano in causa tutte le materie e tutti i "campi di esperienze", le seguenti tematiche per ognuna delle quali i docenti, ad ogni inizio di anno scolastico, compileranno uno specifico Progetto ad integrazione di quello didattico annuale:

Le attività connesse allo sviluppo dei singoli progetti saranno utilizzate oltre che a fini istruttivi e formativi generali , anche per ampliare, arricchire e diversificare gli apprendimenti fondamentali della lingua e della matematica.
AL SOMMARIO


3) ATTIVITA' DIDATTICA E DI SOSTEGNO PER ALUNNI IN DIFFICOLTA' DI APPRENDIMENTO
E/O PORTATORI DI HANDICAP

    In merito all' attività per alunni portatori di disadattamenti psico-fisici, la SCUOLA continua ad utilizzare, a supporto dell'azione diretta dei docenti titolari, l'intervento di personale specializzato, assegnato sulla base del numero di alunni bisognosi di sostegno.
    Anche la programmazione di questa attività sarà disponibile ogni inizio di anno scolastico , dopo aver concordato il piano di lavoro con l' equipe medico - psico - pedagogica, nel contesto dell'apposito gruppo di lavoro a livello di Circolo. Il tutto nel rispetto delle indicazioni previste dalla Legge 104 / 92.
    Tale piano :


4) RAPPORTO CON I GENITORI
 
 

I genitori costituiscono una "controparte" privilegiata nel senso che sono , dopo gli alunni, i più diretti fruitori del servizio scolastico. Ad essi, pertanto, prima di chiedere la collaborazione , è giusto far sapere che la Scuola, proseguendo con la metodologia attuale , organizzerà un calendario di incontri durante l' anno scolastico con l' indicazione degli argomenti da discutere e della collaborazione da richiedere.

Tale calendario sarà compilato dai Collegi dei docenti di scuola materna ed elementare illustrato ai genitori entro il mese di ottobre di ogni anno, per l' opportuno esame congiunto e l' eventuale adeguamento alle loro necessità.

AL SOMMARIO

5) SOLLECITAZIONI ALLA "CONTROPARTE"
 
 

Affinché le proposte educative sopra riportate possano diventare realtà, nel modo più completo possibile, si ritiene di dover rivolgere alle " controparti " le sollecitazioni che seguono, mirate ad ottenere strutture ed organizzazione scolastiche adeguate alle esigenze di un effettivo servizio di qualità.

1) Al Ministro della pubblica Istruzione

A) Promuovere una forte e concreta azione politica e di governo finalizzata:

B) Eliminare e/o snellire gli adempimenti burocratici che non producono né facilitano la qualità del servizio, ma che sottraggono tempo prezioso alle attività del personale.

C) Correggere nella normativa comune, gli aspetti discriminanti fra i due ordini di scuola, materna ed elementare. Può essere portato ad esempio il calendario scolastico che attualmente distingue la scuola materna nel senso che la cessazione delle attività didattiche con gli alunni viene fissata per il 30 giugno anziché per la stessa data della scuola elementare. Da tale data infatti , mentre cala il numero degli alunni presenti , cessa il servizio mensa e l' attività didattica è quasi nulla , i docenti potrebbero, in alternativa , dedicarsi alla valutazione delle attività svolte ed alla preparazione di quelle per l' anno successivo.

2) Alla Sovrintendenza scolastica regionale

Acquisire, per i provvedimenti di competenza relativi al calendario scolastico, i pareri dei Dirigenti e degli Organi Collegiali di tutte le scuole della regione;
 

3) Alle Amministrazioni comunali del territorio

4) Alle organizzazioni sindacali

Di ricondurre il loro intervento all' attività istituzionale originaria e di lasciare quindi gli aspetti pedagogici, didattici organizzativi e culturali alla gestione dei docenti, senza entrare nel merito, come ,invece, è stato fatto col Contratto di lavoro del 4-8-95. L' obiettivo prioritario cui devono mirare i Sindacati è, invece,  quello di adeguare il trattamento economico al valore ed alla connessa immagine sociale dell' impegno e della responsabilità educativa e docente di tutto il personale scolastico.

5) Ai genitori

Di assicurare alla Scuola e dare ai docenti la piena disponibilità e collaborazione al fine di concordare, sugli obiettivi educativi e formativi, un ' azione coordinata scuola-famiglia. A tal fine saranno previste, con calendario allegato alla programmazione di Circolo, appositi incontri assembleari ed individuali per problematiche generali e personali.

AL SOMMARIO

 
PROGETTO EDUCATIVO DI CIRCOLO
PER LA SCUOLA MATERNA

SOMMARIO : Prima parte: settori  - Seconda parte: programmazione - Terza parte :
                      funzionalità organizzativa - Quarta parte : attività aggiuntive.


 

PREMESSA

  Il Progetto che segue assume validità pluriennale e costituisce fonte di riferimento per la elaborazione annuale della programmazione educativa e formativa che, a sua volta , deve essere completata con una Progettazione didattica annuale di ogni gruppo docente sezionale.

PRIMA PARTE

Ai sensi della vigente normativa le attività annuali si distinguono in quattro settori:

1) ATTIVITÀ' DI INSEGNAMENTO CHE SI ESPLICA DOPO L'ELABORAZIONE DI:

- Un programma generale formativo ed educativo sintetico desunto dal testo ufficiale degli " Orientamenti...91" (vedi II parte);
- Una progettazione didattica curriculare collegiale sia di sezione che di Circolo; - Progetti particolari di attività scolastica

2) ATTIVITÀ' CONNESSE ALL'INSEGNAMENTO CONCRETIZZATE MEDIANTE:
(Calendario allegato alla programmazione)

- Elaborazione curriculare dei piani di lavoro sezionale;
- Coordinamento periodico delle attività di sezione;
- Verifica e valutazione periodica dei risultati sia a livello di plesso che di Circolo;
- Rapporti con le famiglie: incontri singoli ed assembleari;

3) ATTIVITÀ' CONNESSE AL FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA  IMPEGNATE CON :
(Calendario allegato alla programmazione)

 - Sedute organi collegiali;
- Aggiornamento e/o auto-aggiornamento, ai sensi e per gli effetti dell’art. 28 del C.C.N.L.;
- Rapporto con genitori e sedute collegiali;
- Assistenza all'entrata ed all'uscita degli alunni.

4) ATTIVITA' AGGIUNTIVE FUNZIONALI ALL'INSEGNAMENTO (Art.43, 3°comma del C.C.N.L.) CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A :

-Svolgimento dei compiti relativi :
 

a) Supporto organizzativo al Capo d' Istituto da parte del gruppo dei collaboratori eletti;
b) Assistenza tutoriale per eventuali docenti in prova con incarico a docenti designati dal Collegio;
c) Partecipazione al gruppo annuale di continuità MAT/ELEM .
d) Eventuali altre attività deliberate dal Collegio dei docenti ;

-Attività di aggiornamento, autorizzate dal Collegio, oltre le 30 ore nell’anno, senza esonero dall’ insegnamento .



 
 
SECONDA PARTE
PROGRAMMAZIONE DI CIRCOLO E PROGETTAZIONE DIDATTICA

Premessa

  Ai fini del presente Progetto si parte dalla definizione delle seguenti espressioni rilevabili anche nel testo degli Orientamenti 91:

 A)- Si intende per "programmazione educativa" la volontà di perseguire con una specifica attività didattica gli obiettivi che, sulla base delle indicazioni degli Orientamenti 91, si possono inquadrare nei due settori di intervento affidati alla scuola dell’ obbligo: l'educativo e il formativo.

  Appare scontato, in ogni caso, che tale distinzione impegna la scuola materna ad assicurare un equilibrato rapporto tra l'attività formativa e quella educativa in quanto particolarmente finalizzate ad uno sviluppo integrale del bambino senza distinzione di confine fra l'educativo ed il formativo. L'individuazione dei "contenuti" dei due settori si basa sulla seguente ulteriore distinzione :

 - Per EDUCAZIONE si intende ogni attività, degli insegnanti e della scuola, finalizzata a stimolare la maturazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità psico-fisico-sensoriali , cioè di tutte le potenzialità naturali insite in ogni persona, seppur in modo e misura diversi, come presupposto sia per gli apprendimenti indispensabili allo sviluppo della persona ed al suo inserimento nella vita sociale, sia per la conquista dell'autonomia operativa propria delle varie età.

 - Per FORMAZIONE si intende ogni attività intenzionale finalizzata alla trasmissione di con venzioni socioculturali e di valori non innati ma che, costruiti dall'uomo, accettati e condivisi dalla collettività, costituiscono un patrimonio culturale imprescindibile per vivere un corretto rapporto sociale, cominciando dalla vita familiare. A tal fine particolare attenzione merita la presentazione e l'uso della varia simbologia creata dall'uomo per meglio esprimersi e comunicare.

 B)- Si intende per "programmazione didattica" l'elaborazione collegiale di un piano di lavoro affidata alla specifica competenza e responsabilità professionale delle maestre contitolari di ogni sezione

Tale elaborazione, basata anzitutto sui "contenuti" generali e specifici individuati negli ambiti dei "campi di esperienza" , sarà comunque coordinata con quella delle altre sezioni del Circolo in modo da costituire un solo progetto a cui ogni plesso farà riferimento soprattutto ai fini delle verifiche periodiche.

Nel contesto del documento programmatico sezionale troveranno opportuno posto i piani di lavoro per alunni portatori di handicap elaborati dai singoli docenti di sostegno tenendo conto delle particolari situazioni di ciascun alunno interessato.

Fine istituzionale/generale assegnato alla scuola

" ...la formazione integrale della personalità dei bambini dai 3 ai 6 anni di età -perseguita mediante- l'acquisizione di capacità e di competenze di tipo comunicativo, espressivo, logico ed operativo, -ed una- equilibrata maturazione ed organizzazione delle componenti cognitive, affettive, sociali e morali della personalità..." -a tale scopo- "...la scuola materna deve consentire ai bambini ed alle bambine ...di raggiungere avvertibili traguardi si sviluppo in ordine alla identità, all'autonomia ed alla competenza."

In rapporto a tale ampia finalità, la progettazione educativa e formativa nonché la connessa elaborazione didattica, individueranno, con apposito piano di lavoro, caratteristiche, capacità, valori, abilità, conoscenze , apprendimenti ecc. da perseguire in modo graduale nell'arco dei tre anni di scuola materna mediante specifiche attività scolastiche graduate, a loro volta, in rapporto alle capacità di apprendimento proprie di ogni età. Nel contesto di tali obiettivi saranno evidenziati nel piano annuale i "contenuti" e le attività per mezzo dei quali si ritiene di poter raggiungere il fine programmatico istituzionale.

"Contenuti/obiettivi", generali e particolari, desunti dal testo degli "Orientamenti 91 ".

- Di ordine educativo:

 - Sviluppo, potenziamento ed uso di ogni abilità ed attitudine individuale che facilita e migliora la vita di relazione: linguaggi comunicativi, affettività, fantasia, immaginazione, creatività, genialità, intelligenza, sicurezza e stima di sè, fiducia nelle proprie capacità, potenzialità sensoriali, percettive e motorie, ecc.
- Superamento dell'egocentrismo e dell'egoismo (socializzazione , altruismo, fratellanza, fiducia ,amicizia, umanità, ecc.).
- Consolidamento del valore "famiglia", quale struttura originaria di vita sociale ed individuale e dei relativi valori che ne regolano la struttura interna ed i rapporti esterni;
- Difesa e/o conquista della salute personale;
- Uso corretto, cioè rispettoso, dell'ambiente naturale, nonché degli altri esseri viventi.

 - Di ordine formativo:

 - Conoscenza e possesso dei primi "alfabeti culturali" che consentono di esprimersi e di comunicare in modi diversi;
- Convivenza democratica : accettazione degli altri e dei diversi, tolleranza, impegno personale , cooperazione a fini comuni anche di natura umanitaria, rispetto delle regole di comportamento e delle convenzioni nella scuola, in casa , nell'ambiente;
- Esplorazione e conoscenza dell'ambiente di vita , delle sue manifestazioni e dei suoi messaggi impiegando tutte le capacità sensoriali e percettive;
- Comportamenti ed abitudini che tutelano la salute di tutti;
- Rispetto degli ambienti di vita naturale e sociale e di tutti gli altri esseri viventi;
- Consolidamento del valore "famiglia" quale struttura originaria di vita affettiva e sociale .

I "contenuti" e le indicazioni sopra riportati sono stati estrapolati dal testo programmatico '91 ed elencati senza un ordine particolare: non è stato dato, cioè, un criterio di priorità e di importanza, né , tanto meno, di distribuzione temporale nel triennio.

Tale ordine, infatti, costituisce riserva specifica della preparazione professionale dei singoli docenti e, quindi, di ogni gruppo sezionale. In fase di progettazione didattica, dunque, ogni coppia sezionale, prima, ed il gruppo collegiale, poi, in fase di coordinamento, sono impegnati a compilare una "graduatoria", dei citati contenuti programmatici, sia educativi che formativi, elaborata in modo da fissare le "tappe" dei possibili "percorsi" educativi e formativi che saranno attivati nell'arco dell'anno 95/96 e del biennio successivo.

Nel contesto di tali curricoli disciplinari, inoltre, sarà evidenziato come e perchè i relativi apprendimenti sono ritenuti funzionali agli obiettivi formativi ed educativi previsti.

Tematiche specifiche da trattare nell'anno

Nell'ambito del curricolo che sarà elaborato all’ inizio di ogni anno scolastico troveranno posto le seguenti tematiche particolari:

- Continuità didattico-educativa assicurata da un coordinamento orizzontale e verticale delle attività scolastiche
- L'educazione alla salute ;
- Rapporto dell'uomo e della società con l'ambiente naturale ed artificiale: uso e conservazione ;
- La convivenza democratica: individuata e praticata in particolare nell'ambito della vita scolastica, familiare ed ambientale; particolare attenzione sarà data all'attività di "Educazione stradale".

La problematica della continuità sarà curata, per gli aspetti generali, dall'apposito gruppo di lavoro eventualmente costituito con la scuola elementare.


TERZA PARTE
INDICAZIONI PER UNA FUNZIONALITÀ STRUTTURALE ED ORGANIZZATIVA GENERALE

Tutte le attività si svolgeranno tenendo conto delle seguenti condizioni funzionali:

- Organizzazione a sezioni aperte nei plessi pluri-sezionali;
- Accertamento del patrimonio di conoscenze, di abilità ed esperienze già in possesso degli alunni (prove d'ingresso);
- Programmazione didattica sezionale e collegiale;
- Utilizzazione degli Organi collegiali;
- Organizzazione strutturale e didattica ampia e flessibile che faccia della scuola un " ambiente educativo e di apprendimento" in cui ogni alunno possa trovare gli stimoli personali a progredire secondo le rispettive inclinazioni, esigenze e capacità.
- Rispetto del Regolamento di Circolo .
- Utilizzazioni delle risorse culturali del territorio, delle istituzioni ed anzitutto della interazione con la famiglia;
- Continuità educativa e didattica sia interna che in rapporto alla scuola elementare;
- Controllo periodico e sistematico degli obiettivi preventivati attraverso osservazioni sistematiche.


QUARTA PARTE